Ti trovi in:  Home > Consiglio Istruzione > 2011
 


I ministri degli Stati membri si riuniscono nel Consiglio dell’Unione Europea nel quale, a seconda della questione all’ordine del giorno, ciascuno Stato membro sarà rappresentato dal ministro responsabile di quell’argomento (affari esteri, affari sociali, trasporti, agricoltura, ecc.).

Il Consiglio che si occupa dell’Istruzione si configura come “Consiglio Istruzione, Gioventù e Cultura”, dibatte i temi riguardanti tutte e tre le tematiche e pertanto per l’Italia vi partecipano i Ministri della Pubblica Istruzione, dell’Università e del Lavoro.

Il Consiglio Istruzione esercita le sue funzioni attraverso l’approvazione di documenti (risoluzioni e conclusioni) che riguardano temi ritenuti concordemente prioritari nell’ambito della cooperazione nel settore educativo.

I documenti che dovranno essere sottoposti all’approvazione dei Ministri dell’Istruzione sono esaminati preliminarmente in sede tecnica da un apposito Comitato composto dai rappresentanti dei rispettivi dicasteri, che discute e modifica le proposte elaborate dal Paese membro titolare della Presidenza di turno.

Semestre di Presidenza Ungherese
(1 gennaio – 30 giugno 2011)


Bruxelles 19-20 maggio 2011
  • Raccomandazione del Consiglio sulle politiche di riduzione dell' abbandono scolastico
  • Politiche di prevenzione per contrastare l'abbandono scolastico di bambini provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati, compresi i Rom
  • Raccomandazione del Consiglio Youth on the move - Promuovere la mobilità dei giovani per l'apprendimento
  • Conclusioni del Consiglio sull'educazione e la cura della prima infanzia: consentire a tutti i bambini di affacciarsi al mondo di domani nelle condizioni migliori
Bruxelles 14 febbraio 2011
  • Conclusioni del Consiglio sul ruolo dell'istruzione e della formazione nell'attuazione della strategia Europa 2020

Semestre di Presidenza Polacca
(1 luglio – 31 dicembre 2011)

Bruxelles 28 Novembre 2011




 
Torna indietro indietro torna su Torna su





Stiamo lavorando per migliorare la stampa delle pagine. Ci scusiamo per il disagio.