Ti trovi in:  Home > "L’Europa cambia la scuola"
 
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la Programmazione
Direzione Generale per gli Affari Internazionali
Uff.II


BANDO DI CONCORSO 2014

Europa cambia la scuola
Label



Presentazione

Sin dall’a.s. 2008-2009 la D.G. affari internazionali  attraverso l’istituzione del concorso “L’Europa cambia la scuola”,  ha inteso promuovere in seno alle scuole coinvolte nella cooperazione europea un percorso di riflessione e consapevolezza che aiuti gli istituti a sostenere i processi  attivati: con i Label assegnati in questi anni si è voluto dare la giusta evidenza all’impatto che le attività in dimensione europea  hanno avuto sugli  istituti scolastici nelle loro diverse componenti: alunni, personale della scuola, famiglie, comunità locale, partenariato europeo.
Il LABEL ha avuto  come riferimento il Programma “Istruzione e Formazione 2020” e  la strategia europea per apprendimento permanente (Lifelong Learning) e la cooperazione europea in senso lato partendo  dal presupposto che le  attività di cooperazione europea, rafforzano i processi di autonomia e costituiscono importanti opportunità di miglioramento per la qualità dell’offerta formativa della  scuola attraverso la loro capacità di innescare “cambiamenti”.
Come è noto, il 2014 rappresenta un anno di particolare rilevanza per l’istruzione in dimensione europea: dal 1 gennaio  entrerà in vigore, in sostituzione di LLP,  “ERASMUS +” (2014-2020), il nuovo Programma comunitario che raggruppa in un’unica cornice i precedenti Programmi per la scuola e l’università, l’istruzione e la formazione professionale, la gioventù e lo sport. Inoltre  dal 1 luglio 2014 l’Italia assumerà la Presidenza del Consiglio dell’Unione europea in una particolare congiuntura temporale:  nel maggio 2014 si terranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e ad ottobre 2014 scadrà il mandato dell’attuale Commissione europea.
In tale nuovo e stimolante contesto, la D.G. Affari internazionali ritiene di proseguire l’esperienza del Concorso che ha riscosso un generale successo presso le scuole, innovandone parzialmente contenuti e modalità di svolgimento.

Obiettivi, destinatari e modalità di partecipazione
Il Concorso intende promuovere una riflessione sul ruolo dell’Unione Europea  e le sue ricadute sulla vita della scuola, con particolare riferimento a:

  • le istituzioni europee (Commissione europea e Parlamento europeo);
  • la Presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea
  • i Programmi di cooperazione comunitaria nel settore dell’istruzione e della formazione.

 

Il bando è rivolto alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, secondo le modalità di seguito indicate; considerate  le particolari circostanze in cui si colloca il Bando 2014 e le sostanziali novità introdotte, sono ammesse le candidature anche da parte delle istituzioni scolastiche che abbiano già ricevuto il “Label” nelle precedenti edizioni del concorso.
Alle scuole che intendono partecipare si richiede di ideare dei momenti di riflessione sia di classe che di istituto (percorsi didattici, organizzazione di giornate o seminari a tema, etc)  su:

  • quanto la cooperazione europea ed internazionale realizzata nella scuola abbia cambiato e migliorato l’offerta formativa dell’istituto, l’organizzazione scolastica e i processi di apprendimento/insegnamento e come si intenda proseguire attraverso “Erasmus+”;
  • l’importanza storico –  culturale dell’Unione europea come istituzione politica e il ruolo del Paese di turno che assume la Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea;
  • la funzione e l’importanza del Parlamento Europeo che siamo chiamati a votare a maggio 2014.

 

E’ auspicabile che a questo processo di riflessione partecipino tutti gli attori della scuola nonché le famiglie.
Il bando è diviso in due sezioni, una riservata alle istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione (Sezione A - scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado) l’altra rivolta agli istituti del secondo ciclo (Sezione B - Licei, Istituti tecnici, Istituti Professionali).

Sezione A :

Alle scuole del primo ciclo di istruzione (scuole dell’infanzia, scuole primaria, scuole secondarie di primo grado) si richiede di inviare un elaborato realizzato dalle insegnanti che racconti:

  • le esperienze di cooperazione  attivate negli anni, sia nell’ambito di LLP che in ambito internazionale,  quanto queste esperienze abbiano cambiato il modo di fare scuola, se abbiano migliorato  la qualità dell’offerta formativa e la qualità degli insegnamenti/apprendimenti e come si intende, infine,  sostenere il processo attraverso la partecipazione ad “Erasmus +”;
  • la riflessione storico culturale sull’Unione Europea realizzata nella scuola, le iniziative messe in atto, l’interesse suscitato e la risposta degli allievi, delle famiglie e di tutto il personale scolastico coinvolto.

Il racconto potrà essere accompagnato da testimonianze scritte o disegnate realizzate dagli allievi anche insieme alle loro famiglie e da foto o brevi filmati (max 3 minut)i - trasmessi su supporto elettronico CD/DVD

Sezione B:
 
Per il secondo ciclo di istruzione (licei, istituti tecnici e istituti professionali) si richiede di inviare un elaborato realizzato dagli studenti,  a livello di classe o di gruppi di classi, anche in collaborazione con gli insegnanti, e già preselezionato a livello di istituto  che racconti :

  • le esperienze di cooperazione sia nell’ambito di LLP che in ambito internazionale, alle quali gli allievi hanno partecipato durante il percorso scolastico;  se e quanto queste iniziative abbiano cambiato, dal loro punto di vista,  i processi di insegnamento/apprendimento e quanto abbiano  inciso sulla loro formazione scolastica,  culturale e personale; si chiede inoltre di raccontare se e come la scuola intenda continuare il percorso di internazionalizzazione attraverso la partecipazione al nuovo programma “Erasmus +”;
  • il progetto di riflessione storico culturale sull’Unione Europea realizzato nella scuola, la  ricaduta sull’accrescimento del senso civico e sulla  percezione di essere cittadini europei.

 

Il racconto potrà essere accompagnato da foto o brevi filmati - max 3 minuti - trasmessi in supporto elettronico CD/DVD.

Gli elaborati  dovranno contenere fra le 300 e le 1000 parole.

L’elaborato dovrà essere redatto sul modulo di candidatura on-line reso disponibile sul sito MIUR-Direzione Generale Affari Internazionali.
Il modulo compilato in ogni sua parte, firmato dal Dirigente Scolastico dell’Istituto partecipante, dovrà pervenire entro e non oltre il 15 giugno 2014 al MIUR-Direzione Generale Affari Internazionali esclusivamente via posta certificata al seguente indirizzo:
dgainternazionali@postacert.istruzione.it.
Entro la medesima data le scuole potranno inviare l’eventuale materiale a supporto dell’elaborato.

 

Liberatorie
L’istituto, con l’invio dell’elaborato o di altro materiale di documentazione, garantisce che lo stesso è materiale originale e libera il MIUR da ogni responsabilità nei confronti di eventuali terzi che a qualsiasi titolo avessero da eccepire  in ordine alle utilizzazioni previste dal presente Bando.
L’istituto, inoltre, autorizza la diffusione attraverso stampa, radio e televisione dell’elaborato e altro materiale inviato per il Label “L’Europa cambia la scuola” nonché la distribuzione dello stesso in formato cartaceo o digitale.

Raccomandazioni per le scuole che intendono concorrere, pena esclusione dal Concorso:
Si raccomanda di verificare che:

  • la domanda di partecipazione sia predisposta sul modulo messo a disposizione sul sito MIUR;
  • il modulo di candidatura sia debitamente firmato dal Dirigente Scolastico;
  • l’elaborato non contenga meno di 300 parole o più di 1000.
  • l’elaborato e/o altro materiale sia inoltrato entro la data indicata nel presente bando.

Selezione e premi
La selezione delle candidature sarà effettuata a livello nazionale da un’apposita Commissione di valutazione composta da esperti, insegnanti, dirigenti scolastici e tecnici, che sarà nominata con apposito decreto.

Gli attestati “LABEL 2014” verranno attribuiti a 12 istituti – 6 per la sezione A e 6 per la Sezione B che riceveranno anche  un premio di 4.000,00 euro ciascuno da destinare al sostegno dei processi di internazionalizzazione avviati o da avviare, non escludendo il supporto ad esperienze di mobilità in altri Paesi europei per studenti e docenti.

La Direzione Generale per gli Affari Internazionali avrà cura di fornire agli istituti tempestiva comunicazione in merito agli esiti della selezione finale.

La cerimonia di premiazione avrà luogo nell’autunno 2014, secondo modalità che saranno rese note a tempo debito.

Allegati:





 
Torna indietro indietro torna su Torna su





Stiamo lavorando per migliorare la stampa delle pagine. Ci scusiamo per il disagio.