» Home


Musei e beni culturali

Osservatorio Tecnologico per i beni e le attività culturali
del MiBAC *


Il Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO è composto, al 2005, da un totale di 812 siti (628 beni culturali, 160 naturali e 24 misti) in 180 Stati; tra questi l'Italia detiene il maggior numero di beni inclusi nella lista.
Il patrimonio culturale italiano è il risultato di complesse stratificazioni culturali che hanno determinato, nel tempo, l'originalità del modello nazionale di gestione e conservazione del bene culturale nel nostro Paese (1).
All'interno di questo sistema i musei, eredi diretti delle grandi collezioni private dei secoli scorsi, costituiscono il laboratorio principale dove verificare le nuove strade e le sfide legate alla conservazione, fruizione e valorizzazione del bene culturale. Si tratta infatti di vedere come ampliare un concetto - quello di museo, inteso tradizionalmente - a spazi, quali quelli delle stesse città d'arte, mantenendo alti gli standard di fruibilità, conservazione, promozione e anche quelli d'ordine economico. L'istituzione museale è il banco di prova su cui testare la validità di scelte e investimenti per la tutela e la promozione della cultura in Italia, attraverso una nuova riflessione sul luogo museo, e sul valore educativo delle funzioni da esso rappresentato. Una riflessione che deve necessariamente sviluppare il concetto di 'museo diffuso' - così presente nelle più recenti analisi di studiosi ed esperti - che vedono nella stessa dimensione l'insieme multiforme e fluido di prodotti dell'uomo, dal singolo manufatto alla stessa città d'arte, passando per monumenti, case, chiese e strade.



L'Italia come museo diffuso

Il nostro Paese conta qualcosa come:

7282 chiese e abbazie
4109 palazzi e residenze
2054 castelli e fortificazioni
1034 monumenti dell'antichità
491 giardini storici
3232 musei
5559 altro (2)



Tantissimi dunque i musei. Diversi per tipologie, visibilità e bilanci, ma tutti accomunati dalla sfida delle nuove tecnologie e delle opportunità legate alla rete Internet. Risorse tra le più valide per dare risposte concrete e soddisfacenti alle tante questioni aperte. I Sistemi Informativi applicati ai beni culturali costituiscono infatti oggi un supporto indispensabile alla valorizzazione, conservazione e fruizione del patrimonio culturale.
I servizi aggiuntivi di assistenza e ospitalità tradizionalmente presenti, tra cui quelli educativi, nelle strutture ricettive museali, sono ora disponibili anche in rete. L'intento è quello di offrire al pubblico riproduzioni digitali di beni, pubblicazioni, assistenza didattica, servizi di prenotazione visite e prevendita dei biglietti, presentazione di eventi speciali ed iniziative promozionali per la valorizzazione del patrimonio culturale. La realizzazione di banche dati interoperabili tra loro, che raccolgono i dati relativi alle opere, ai monumenti e ai siti archeologici, sono disponibili per gli studenti e i ricercatori direttamente nella rete Internet.
Le linee d'azione in via di sviluppo sono tutte improntate alla convergenza dei Sistemi Informativi messi a punto dai diversi Ministeri italiani e non, enti locali, istituti culturali, e organismi europei, che, attraverso numerosi progetti comunitari già in atto, tendono alla costituzione di un patrimonio culturale digitale integrato, che esalti l'accessibilità e permetta la conoscenza del prodotto culturale per tutti i cittadini.


Risorse in rete - nazionali

CULTURAITALIA
Il Portale della Cultura italiana del Ministero dei beni e le attività culturali, in via di realizzazione, fornirà un accesso integrato al più ampio insieme di informazioni e documentazione riguardanti archivi, biblioteche, musei, siti archeologici, monumenti, patrimonio immateriale, patrimonio culturale digitale, valorizzando anche i progetti emergenti su media e piccola scala territoriale; consentirà l'accesso ai dati tanto su base territoriale, che tematica e settoriale, e per percorsi di ricerca tanto predefiniti che postcoordinati. Il Portale Italiano della Cultura italiana (acronimo proposto: "PICO") individua come mission principale la costituzione di un punto di riferimento univoco all'interno della rete web che sia accreditato, promosso e validato dal MiBAC, per facilitare l'individuazione e l'interconnessione delle risorse esistenti sul patrimonio culturale italiano. Sono allo studio modalità di interoperabilità con il portale del MIUR.

INTERNETCULTURALE
E' il portale che offre un sistema di accesso integrato alle risorse tradizionali e digitali di biblioteche, archivi ed altre istituzioni culturali italiane, promuove e valorizza la conoscenza e la fruibilità del patrimonio culturale sia a livello nazionale che internazionale. Permette all'utente di accedere ai cataloghi della rete del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), offrendogli la possibilità di conoscere le localizzazioni dei documenti catalogati in rete di oltre 2300 biblioteche collegate e, contemporaneamente, di ricercare i contenuti digitali provenienti dalle istituzioni culturali italiane.
Sito web: http://www.internetculturale.it

SIGEC
Sistema Informativo Generale del Catalogo nazionale dei Beni culturali è realizzato dall'ICCD che permette la gestione unitaria dei dati catalografici.
Sito web: http://www.iccd.beniculturali.it/servizi/sigec.html

S'ED
E' un centro permanente di studio e documentazione sull'educazione al patrimonio culturale del Ministero per i beni e le attività culturali che realizza, promuove e sostiene studi e ricerche nel campo della didattica museale, anche con il concorso di Università e altri soggetti pubblici e privati, in applicazione dell'articolo 119 (3), che prevede la 'Diffusione della conoscenza del patrimonio culturale nelle scuole' del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (decreto legislativo numero 42 del 22 gennaio 2004, Gazzetta Ufficiale numero 45 del 24 febbraio 2004, Supplemento Ordinario numero 28). Il Centro offre servizi tesi alla diffusione della conoscenza del patrimonio culturale nelle scuole, anche stipulando convenzioni per l'elaborazione di percorsi didattici, predisponendo materiali e sussidi audiovisivi, organizzando moduli formativi e di aggiornamento dei docenti.
Sito web:http://www.beniculturali.it/sed/centro.htm

CULTURALWEB
Il quotidiano d'informazione on line del Ministero per i beni e le attività culturali.
Sito web: http://www.culturalweb.it/

NARDINI RESTAURO
Dai libri alla formazione, un sito web per conoscere il mondo della conservazione e del restauro dei beni culturali.
Sito web: http://www.nardinirestauro.it

Risorse in rete - internazionali

MINERVA
Il progetto MINERVA voluto dalla Commissione Europea e coordinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali è stato attivato nel 2002 con l'obiettivo di comparare e armonizzare politiche e programmi di digitalizzazione del patrimonio culturale, attraverso una rete che coinvolge i ministeri e istituzioni preposte alla tutela e promozione del patrimonio culturale degli stati membri dell'Unione Europea.
Sito web: http://minervaeurope.org

MICHAEL
Il progetto MICHAEL, nato nel 2004, finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del programma e-Ten, intende realizzare un portale trans-europeo multilingue che permetterà di reperire ed accedere alle risorse digitali culturali di Francia, Regno Unito e Italia. A tale scopo è stato avviato il censimento delle collezioni digitali prodotte nei tre Paesi partner.
MICHAEL, attraverso l'adozione di standard condivisi, punta all'allineamento e all'interoperabilità dei portali culturali nazionali promuovendo la fruizione del patrimonio culturale europeo.
Sito web: http://michael-culture.org

ICOM
Nato nel 1946 per iniziativa di Chauncey J.Hamlin, Presidente dell'American Association of Museums, l'International Council of Museums (Icom) è stato costituito per far conoscere e tutelare il patrimonio culturale mondiale, sia attraverso il miglioramento dell'organizzazione e la valorizzazione di musei, ritenuti gli istituti delegati alle funzioni di conservazione e divulgazione della memoria storica di ogni civiltà, sia operando a favore della tutela e del progresso della professione museale.
Sito web: http://www.icom-italia.org/

* a cura di Sara Di Giorgio
(1) cfr. http://www.unesco.it/patrimonio/siti/siti.htm
(2) dati pubblicati in "L'Annuario della Cultura 2004", Touring Club Italiano, Milano, 2003
(3) Articolo 119 "Diffusione della conoscenza del patrimonio culturale nelle scuole":
1. Il Ministero per i Beni e le attività culturali, il Ministero per l'istruzione, l'università e la ricerca, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali interessati possono concludere accordi per diffondere la conoscenza e favorire la fruizione del patrimonio culturale da parte degli studenti.
2. Sulla base degli accordi previsti al comma 1, i responsabili degli istituti e dei luoghi della cultura di cui all'articolo 101 possono stipulare con le scuole di ogni ordine e grado, appartenenti al sistema nazionale di istruzione, apposite convenzioni per la elaborazione di percorsi didattici, la predisposizione di materiali e sussidi audiovisivi, nonché per la formazione e l'aggiornamento dei docenti. I percorsi, i materiali e i sussidi tengono conto della specificità della scuola richiedente e delle eventuali particolari esigenze determinate dalla presenza di alunni disabili.