Ti trovi in:  Home > Progetti > Progetto EDUSTRADA
 


Progetto EDUSTRADA
INTRODUZIONE
La cultura della sicurezza stradale deve essere intesa come l’insieme dei valori, norme, atteggiamenti e orientamenti al comportamento che ispirano le scelte sulla strada in relazione, più o meno diretta, con gli stili di vita dei singoli soggetti e la loro interazione con le diverse istituzioni. La strada, infatti, è un’esperienza comune a tutti sin dalla primissima età: l’educazione stradale, prima esperienza ed espressione di un’educazione alla cittadinanza attiva, deve costruire atteggiamenti e comportamenti corretti e responsabili che sostituiscano all’attrazione della trasgressione l’orgoglio di comportamenti competenti e corretti, nella consapevolezza che sulla strada entra in gioco il rapporto vita-morte proprio e degli altri.
E’ quindi evidente che una strategia di comunicazione – informazione – formazione efficace deve essere articolata sia sul piano cognitivo che su quello culturale ed emotivo, essendo le competenze che intende promuovere legate tanto alla conoscenza quanto alla propria identità di individuo e di cittadino.
Di qui le esigenze di prevedere diverse azioni di comunicazione. In quell’ottica che fa riferimento al concetto di educazione permanente, il progetto intende perseguire più obiettivi tra loro connessi:
  • raggiungere in modo mirato il target degli studenti suddiviso per fasce di età con prodotti calibrati. Le fasce di età sono tre: dai 3 ai 6 anni, dai 7 ai 13 anni e dai 14 ai 18 anni.

  • costruire strumenti didattici di supporto, utili ai diversi soggetti che svolgono una azione educativa (insegnanti e genitori “in primis”)

  • realizzare una campagna di comunicazione ad ampio spettro, rivolta ad un pubblico generalista

  • documentare e valorizzare le azioni e le esperienze di educazione stradale e di promozione di una cultura della sicurezza già in essere (alcune delle quali di grande valore)

  • contribuire alla realizzazione degli obiettivi previsti dalla “European Road Safety Charter” la carta europea della sicurezza stradale promossa dalla Commissione Europea che ha, tra le principali finalità, la riduzione del 50% del tasso di incidenti stradali entro il 2010.

Il progetto di RAI Educational intende l’Educazione Stradale non solo come percorso didattico incentrato sull’acquisizione di conoscenze tecniche e sull’adozione di comportamenti, ma anche come attività educativa che promuove il piacere di costruire una società che ha alla propria radice il valore del rispetto per sé e per gli altri.
L’insegnamento dell’educazione stradale non deve essere limitato alla conoscenza di un insieme di regole: è necessario far maturare nell’ adolescente la consapevolezza che il mancato rispetto delle stesse lede il diritto degli altri alla sicurezza, poiché da un comportamento scorretto nasce una situazione di pericolo per sé e per gli altri.



OBIETTIVI FORMATIVI E FINALITÀ

Gli obiettivi formativi e le finalità a cui faranno riferimento i prodotti televisivi e multimediali di Rai Educational, che avranno come target privilegiato le fasce di età comprese tra i 14 ed i 18 anni, sono quelli indicati dalle linee guida sulla Educazione Stradale emanate dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal MIT (Ministero dei Trasporti).

In particolare gli obiettivi sono delineati in tre macro aree:

Far conoscere il Codice della Strada, la segnaletica e le norme della circolazione, con particolare riferimento agli obblighi e ai divieti per i ciclomotoristi.

Far acquisire comportamenti relativi a condizioni tecniche di sicurezza e comportamenti idonei alla prevenzione:
  • accorgimenti e comportamenti utili alla reciproca visibilità degli utenti della strada;

  • appropriata percezione delle intenzioni degli altri utenti e delle distanze, direzioni e velocità dei veicoli;

  • corretto uso del ciclomotore;
  • eventuali gravi situazioni di pericolo o difficoltà nella circolazione e comportamenti conseguenti;

  • scelte di mobilità sostenibile.
Educare alla comprensione che l’insieme di leggi, regolamenti e norme hanno lo scopo di disciplinare la circolazione stradale, considerando anche che il bene individuale non è in contrapposizione al bene collettivo.
Sviluppare nei giovani autonome capacità di giudizio e assunzione di responsabilità nei confronti di sé e degli altri.


COMPETENZE SPECIFICHE

Coerentemente all’azione interdisciplinare promossa dal Ministero della Pubblica Istruzione, si individuano alcune competenze specifiche che verranno promosse sia con prodotti dedicati, sia in modo trasversale.
In particolare:
- Segnali stradali
- Norme
- Causa di incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti (alcool, drugs anche come farmaci, stanchezza fisica e problemi alla vista)
- Norme sulla precedenza
- Elementi della bicicletta, del ciclomotore, dell’automobile e loro uso
- Comportamenti alla guida ed uso del casco e delle cinture di sicurezza
- Il pedone
- Rispetto della vita e comportamento solidale
- La salute
- Il rispetto dell’ambiente


SOGGETTI PARTECIPANTI
Rai-Educational
Emittente che allestirà il palinsesto sotto l’aspetto ideativo, tecnico, produttivo, redazionale e garantirà la messa in onda sul satellite in chiaro canale Rai Edu1, Hot Bird 2, che è anche digitale terrestre.



Ministero della Pubblica Istruzione
Ente che garantirà il proprio patrocinio istituzionale all’iniziativa stanziando i fondi con apposita convenzione, concordando anche gli indirizzi e i contenuti. Nello spirito di fattiva collaborazione il MPI potrà verificare la corrispondenza degli indirizzi e dei contenuti concordati prima della realizzazione del progetto.




LE FASI DEL PROGETTO
Realizzazione

1. (METTICILATESTA) LA STRADA GIUSTA

2. SEMAFORO VERDE

3. EXPLORA on the Road

4. un SITO INTERNET dedicato, con uno spazio interattivo



SEMAFORO VERDE

andrà in onda una volta alla settimana nell’ambito di “Explora Scuola” con 20 puntate della durata di circa 10’ ciascuna. Explora scuola andrà in onda a partire dal 22 gennaio sino a fine giugno 2007 su Rai Edu1 dalle ore 11.00 alle ore 12.00. “Semaforo verde” verrà trasmesso dalle ore 11.00 alle ore 11.10.
Il programma si svolgerà all’interno di una classe di scuola (dalla scuola primaria fino alla scuola secondaria di secondo grado) e nasce con l’intenzione di divulgare una serie di messaggi corretti in merito all’educazione stradale.
Il programma sarà itinerante e la sua particolarità è legata al fatto che, di puntata in puntata, mediante un filmato si andrà ad evidenziare una caratteristica di quel territorio in tema di viabilità. La funzione del servizio filmato sarà quella di stimolare una discussione mediata dal conduttore del programma.
Il compito principale del conduttore sarà proprio quello di provocare, lanciare spunti e gestire gli interventi dei ragazzi.

Svolgimento

Una volta che gli studenti hanno preso posto in classe, al suono della campanella fa il suo ingresso in aula il conduttore del programma. Presentata la scuola e la città che ospita la puntata e dopo qualche scambio di battute informali con i ragazzi, il conduttore preannuncia il tema della puntata e lancia il filmato.
Accanto o davanti alla lavagna sarà posizionato un monitor e sarà lo stesso conduttore a schiacciare il tasto del registratore, facendo partire il servizio.

Il filmato

Riguarderà situazioni particolari legate alla cronaca o ad episodi significativi riguardanti il tema dell’educazione stradale, collegati al territorio (es; il Comune che ha privilegiato le piste ciclabili, gli anziani che regolano il traffico durante l’ingresso e l’uscita da scuola, l’alto numero di multe per guida senza casco, ecc…). Terminato il filmato il conduttore avvierà il dibattito con gli studenti.

Conclusione

Il programma oltre a far conoscere il pensiero dei ragazzi in maniera estremamente spontanea e priva di filtri, regalerà al telespettatore un quadro dettagliato delle iniziative e delle problematiche legate alla sicurezza stradale, muovendosi tra le singole realtà del nostro paese.



aggiornato: 02/03/2010
 
Torna indietro indietro torna su Torna su