Ti trovi in:  Home > DG Istruzione e Formazione Tecnica Superiore > Documenti UE > Il processo di Bruges-Copenaghen-Maastricht-Helsinki

DG per l'Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e per i rapporti con i sistemi
Unione Europea > Documenti

Il processo di Bruges - Copenaghen - Maastricht - Helsinki

Cronologia:

  • Conclusioni del Consiglio europeo di Lisbona, marzo 2000

  • Comunicazione della Commissione “Progetto di programma di lavoro dettagliato sul seguito alla relazione sugli obiettivi concreti dei sistemi di istruzione e formazione" – 7.9.2001 (versione inglese)

  • Comunicazione della Commissione: Realizzare uno spazio europeo dell’apprendimento permanente - 21.11.2001

  • Comunicazione della Commissione  Programma di lavoro dettagliato sul seguito agli obiettivi dei sistemi di istruzione e formazione in Europa adottati dal Consiglio istruzione e dalla Commissione 14.2.2002


L’avvio del processo:

  • Dichiarazione dei Ministri europei dell’istruzione e formazione professionale e della Commissione europea su una maggiore cooperazione europea in materia di istruzione e formazione professionale - Copenaghen 30.11.2002

    L’accordo ha individuato le priorità della cooperazione ed ha avviato una serie di azioni congiunte intese a sviluppare:
    a) la dimensione europea dell’istruzione e formazione professionale,
    b) la trasparenza, l’informazione e l’orientamento,
    c) il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche,
    d) la garanzia della qualità

    Ogni due anni le priorità sono aggiornate in sede di riunione dei Ministri dell’istruzione e formazione professionale.

    Nel 2004 i Ministri dell’Istruzione e formazione, riuniti a Maastricht, hanno sottoscritto una Dichiarazione che definisce le nuove priorità della cooperazione a livello comunitario e nazionale sulla base dell’indagine svolta dalle agenzie europee per l’istruzione e la formazione professionale:

  • Rapporto finale alla Commissione Europea sugli studi di Maastricht-1.11.2004

  • Comunicato di Maastricht sulle priorità future di una maggiore cooperazione europea in materia di istruzione e formazione   professionale  - 14.12.2004

    Nel 2006 ad Helsinki la revisione delle priorità è individuata in quattro punti:
    1. la strategia mirata a migliorare l’attrattiva e la qualità dell’istruzione e formazione professionale,
    2. lo sviluppo e l’implementazione di strumenti comuni per l’istruzione e formazione professionale,
    3. il rafforzamento dell’apprendimento reciproco,
    4. il Coinvolgimento di tutte le Parti interessate.

  • Comunicato di Helsinki  sul rafforzamento della cooperazione europea nell’istruzione e formazione professionale - 5.12.2006 (versione inglese)


L’implementazione del processo:

  • Strumenti per la trasparenza e il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze

    • EUROPASS: Il quadro unico comunitario per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze

    • EQF: Raccomandazione sulla costituzione di un Quadro di riferimento Europeo per le Qualifiche per l’apprendimento permanente 23/4/2008 (versione inglese)

    • ECVET: il sistema per il trasferimento dei crediti per l’istruzione e la formazione professionale (versione inglese)


  • Competenze chiave:

    • Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle competenze chiave per l'apprendimento permanente del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE)


  • L’apprendimento non formale e informale:

    • Bozza di conclusioni del Consiglio e dei rappresentanti dei Governi degli Stati membri riuniti in seno al Consigliosui principi comuni dell’identificazione e della validazione dell’apprendimento non formale e informale 18.5.2004


  • Garanzia della Qualità:

    • Proposta di raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio sull'istituzione di un quadro europeo di riferimento per l'assicurazione della qualità dell'istruzione e della formazione professionali [SEC(2008) 440-SEC(2008) 441] COM(2008) 179 definitivo (versione inglese)





Banner Il nuovo obbligo di istruzione