» Home


Controlla il peso e mantieniti sempre attivo
Il peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del "bilancio energetico" tra entrate ed uscite caloriche. L'energia viene introdotta con gli alimenti ed è utilizzata dal corpo sia durante il riposo, sia durante l'attività fisica. Se si introducono più calorie di quante se ne consumano, l'eccesso si accumula nel corpo sotto forma di grasso, determinando un aumento di peso oltre la norma, sia nell'adulto che nel bambino. Se invece si introduce meno energia di quanta se ne consuma, il corpo utilizza le sue riserve di grasso per far fronte alle richieste energetiche.
Quantità eccessive di grasso corporeo costituiscono un pericolo per la salute: tanto maggiore è l'eccesso di peso dovuto al grasso, tanto maggiore è il rischio.
L'eccesso di grasso corporeo può essere di vario grado. Il grado più lieve viene classificato come sovrappeso; seguono l'obesità moderata e l'obesità grave.
Il rischio per la salute diviene concreto nella categoria della obesità moderata e cresce sensibilmente con l'aumentare del peso.
Problema contrapposto all'obesità è quello dei disturbi del comportamento alimentare (DCA), dei quali i più noti sono l'anoressia e la bulimia.
I mass media propongono modelli di figure femminili filiformi e figure maschili "palestrate" e scultoree.
Le ragazze, e oggi anche i ragazzi, condizionati dai modelli femminili e maschili proposti dai mass media e dalle mode condivise dal gruppo, se non preventivamente informati e formati, diventano facile preda di questi modelli per raggiungere i quali si impongono regimi dietetici notevolmente scompensati, spesso causa di disturbi di tipo alimentare.
I rischi e le conseguenze si osservano nel medio e nel lungo termine: alterazioni endocrine e metaboliche fino a veri e propri disturbi del comportamento.
La prevenzione, che dovrebbe partire dall'infanzia, accanto agli strumenti di conoscenza deve fornire competenze discriminatorie e favorire un alto livello di autostima e consapevolezza del sé e delle proprie potenzialità.
Il/La ragazzo/a diventerà così capace di scegliere lo stile di vita più appropriato senza percepire nella scelta una mortificazione, ma rispetto di sé, degli altri, dell'ambiente.
La preoccupante diffusione del sovrappeso e dell'obesità nella nostra società è in parte attribuibile al fatto che la vita moderna promuove stili di vita estremamente sedentari, con livelli assai ridotti di attività fisica. Valori troppo bassi di dispendio energetico rendono difficile mantenere l'equilibrio tra entrate ed uscite caloriche, di conseguenza, il raggiungimento di un peso corporeo corretto va realizzato non solo attraverso il controllo dell'alimentazione, ma anche attraverso una vita fisicamente più attiva.
Per stile di vita fisicamente attivo, idoneo a prevenire l'obesità e gli altri rischi per la salute, si deve intendere innanzitutto un tipo di comportamento che dia la preferenza, nell'espletamento delle attività quotidiane, all'uso dei propri muscoli piuttosto che all'uso di macchine, in modo da produrre dispendio energetico attraverso la sudorazione.
Il peso corporeo è un criterio con il quale si rappresenta, in modo concreto e visibile, il bilancio energetico tra quanto introduciamo nel nostro corpo e quanto ne utilizziamo per svolgere le attività vitali (fisiche e mentali).
La valutazione del peso così detto "ideale" va eseguita considerando diverse variabili, quali ad esempio il sesso, l'età, il tipo di attività fisica svolta, ecc.
Soprattutto nei bambini e negli adolescenti è necessario valutare con molta attenzione ed accuratezza la variazione del peso nel tempo perché si tratta di fasi dello sviluppo nelle quali peso, statura e composizione corporea cambiano velocemente e continuamente in relazione alla crescita individuale. L'acquisizione in queste fasce di età di corretti comportamenti alimentari è garanzia di una condizione di "benessere" nell'adulto.
È perciò necessario affidarsi alla competenza del pediatra o del medico di base che, in possesso di tutte informazione utili riguardanti il ragazzo, può al meglio valutarne eventuali situazioni di soprappeso, obesità o eccessiva magrezza fornendo dati di riferimento per il regolare controllo del proprio peso.
Mantenere il peso nella norma è più facile con uno stile di vita fisicamente attivo e con il contemporaneo rispetto di semplici regole di comportamento alimentare. Esse consistono soprattutto nella scelta preferenziale di alimenti poveri di grassi e ad alto valore nutrizionale.


Suggerimenti
- I piaceri della tavola "tradotti" in sudore
- Peso e Calorie
- Movimento e Calorie
- Consigli utili

Approfondimenti
- Complicanze di una cattiva alimentazione