archivio.pubblica.istruzione.it top
spacer


Attenzione:
sezione in aggiornamento

Alcune pagine/sezioni potrebbero non funzionare correttamente


Torna alla homepage




 
 Il patentino a scuola
 


Dipartimento per i Servizi nel Territorio
Direzione Generale per lo status dello studente
per le politiche giovanili e per le attività motorie
Ufficio II

Prot. 1328/A2 Roma, 25 marzo 2004
Destinatari

OGGETTO: Riconoscimento dei corsi sperimentali per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore effettuati nell'anno scolastico 2002-2003.

In relazione all'oggetto si comunica che questa Direzione, nel far seguito agli impegni assunti nell'incontro con i Referenti Regionali e Provinciali del 4 dicembre 2003 e per rispondere alle numerose richieste pervenute dalle singole Istituzioni Scolastiche, ha attivato le necessarie procedure per il riconoscimento dei corsi sperimentali svolti nell'anno scolastico 2002/03.

Il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 30 giugno 2003, contenente il Programma e le procedure d'esame, prevede, per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore, la durata di 20 ore, coerentemente con il Programma Sperimentale promosso dal Ministero dell'Istruzione, Direzione dello Studente, nell'anno scolastico 2002/03, con nota del 26 settembre 2002 n. 4006/A2.

Questa Direzione ha autorizzato la sperimentazione di un modello di corso con nota del 5.03.02, n. prot. 1122/A2, già nell'anno scolastico 2002/03.

Tra il programma sperimentale e quello contenuto nel citato Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, esistono alcune differenze, che riguardano soprattutto la distribuzione delle ore. Infatti, sono diminuiti, rispetto al Programma del Ministero dell'Istruzione , i tempi dedicati a:

  • segnaletica e alle altre norme di circolazione - da 8 a 6
  • norme di comportamento - da 6 a 4
  • educazione al rispetto delle leggi da 6 ore a 2 ore ma, lo stesso Decreto ha attribuito alla scuola il compito di ampliare il programma con ulteriori 8 ore di educazione alla convivenza civile.

Nelle linee fondamentali il più volte citato Decreto 30/6/03 conferma sostanzialmente gli argomenti del programma già sperimentato.

Si è convenuto, d'intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di consentire l'accesso agli esami per le allieve e gli allievi che hanno frequentato nell'anno scolastico 2002/03 i corsi sperimentali autorizzati da questo Ministero alle seguenti condizioni:

  1. Programmi svolti come previsto dal Corso Sperimentale promosso da questo Ministero, Direzione Generale per lo Studente, con nota del 26 settembre 2002 n. 4006/A2 e in conformità agli artt. 1 e 2 del Decreto Ministero Infrastrutture 30/6/03.
  2. Verifica che il corso sia stato svolto nell'anno scolastico 2002/03 e che non sia trascorso più di anno dalla conclusione dello stesso.
  3. Attestato di frequenza, per almeno 9 ore delle 12 ore previste per l'accesso all'esame, rilasciato dal Dirigente scolastico responsabile dei corsi nella scuola dove è stato frequentato il corso, da allegare alla domanda di ammissione agli esami.
  4. Frequenza obbligatoria ad un modulo di richiamo di 3 ore sugli aspetti fondamentali del programma, sul questionario e sulle modalità d'esame, (Linee Guida Ministero dell'Istruzione del 26 ottobre 2003), reperibile sul sito www.istruzione.it/patentino/index.shtml. La frequenza è certificata dall'operatore responsabile del corso.
  5. Ricevute dei versamenti di legge.

Gli allievi che nell'anno scolastico 2002/03 frequentavano la III classe della scuola media, devono chiedere alla scuola di provenienza l'attestato di frequenza al corso sperimentale seguito. Essi parteciperanno al modulo di richiamo e sosterranno l'esame presso la scuola che frequentano nel corrente anno scolastico, nella prima sessione utile.

La presenza al modulo di 3 ore , con l'indicazione del periodo in cui è stato sostenuto il corso nell'a.s. precedente, sarà registrata dall'operatore responsabile del corso ai sensi del più volte citato D.M. 30 giugno 2003.

Al riguardo il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti interesserà i propri dirigenti affinché si possano attuare le necessarie intese organizzative a livello provinciale.

Si invitano i Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali a dare la massima diffusione alla presente nota e ad attivare le opportune misure di coordinamento territoriale.

Il Direttore Generale
Maria Moioli

Destinatari

Ai Direttori Generali
degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI

Ai Centri Servizi Amministrativi
LORO SEDI

All'Intendente Scolastico per la lingua italiana
BOLZANO

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di
TRENTO

All'Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
BOLZANO

All'Intendente Scolastico per la Scuola delle Località Ladine
BOLZANO

Al Sovrintendente Studi
della Regione Autonoma della Valle d'Aosta
AOSTA

e, per conoscenza,

Al Capo Dipartimento
SEDE

Al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Capo Dipartimento Ing. Fumero
Via Caraci, 36
00157 ROMA

Indietro
fascia
 
 
home benvenuto
 
linee guida linee guida
 
riferimenti normativi riferimenti normativi
 
programma corsi programma corsi
 
i quiz i quiz
 
le faq FAQ
 
iniziative iniziative
 
dati dati
 
referenti e contatti referenti e contatti
spacer
 
spacer

spacer

Direzione generale per la comunicazione

© 1998-2006 Ministero della Pubblica Istruzione
Viale Trastevere, 76/A - 00153 ROMA

Centralino 06 5849.1