» Torna a Istruzione.it         
» Home


INNO OLIMPIADI TORINO 2006


VA'
Claudio Baglioni ha composto l'Inno Ufficiale dei XX Giochi Olimpici Invernali. Va' ("Go" nella versione in inglese) è un brano molto emozionante che nel testo richiama il celebre motto della rassegna olimpica, "Citius, Altius, Fortius", ovvero Più Veloce, Più Alto, Più Forte.
Il brano, è stato presentato il 20 dicembre 2005 al Palasport Olimpico in un concerto evento - organizzato da TOROC e dalla Città di Torino - nel quale Claudio Baglioni ha eseguito alcuni dei più grandi successi del suo repertorio, tratti dalla raccolta "Tutti qui" che, a meno di due mesi dalla sua pubblicazione, è già triplo disco di platino.

L'inno sarà eseguito nel corso della Cerimonia d'Apertura dei Giochi Olimpici Invernali, che si terrà venerdì 10 febbraio 2006 nel rinnovato Stadio Olimpico. Per l'occasione Baglioni salirà sul podio per dirigere un'orchestra che eseguirà il brano.

Non è la prima volta che Claudio Baglioni si cimenta nella composizione di un inno: le due precedenti occasioni sono state i Campionati Mondiali di Nuoto del 1994 per i quali aveva scritto "Acqua nell'Acqua" e i Mondiali di Calcio del 1998 per i quali aveva composto "Da me a te".

"Poche altre volte - ha dichiarato Baglioni - si è sentito, forte come oggi, il bisogno di riscoprire e rivivere lo spirito autentico delle Olimpiadi. Uno spirito di incontro e di comunione, ma, soprattutto, di scambio di quei valori che sono contenuti in tutte le identità, per imparare a ridurre le diffidenze e ad apprezzare le differenze".

"C'è - ha concluso Baglioni - l'urgenza che questa umanità si dia più umanità e mi piacerebbe che questo inno, come una sorta di fiaccola olimpica fatta di note e parole, portasse la sua piccola luce in giro per il mondo a illuminare tutte quelle oscurità che ci impediscono di fare del mondo la casa, sicura e accogliente, di tutti".

Va'

come musica
che ci illumina
fuoco della vita
bagna l'anima
lungo la salita
va'
come immagine
dentro un turbine
terra di confine
passa il limite
degli spazi senza fine
e va'
più veloce di un'idea
più alto della libertà
più forte di un urlo di marea
va' sempre dove la tua luce va
va'
come brivido
di un oceano
lacrima di tempo
spingi il battito
ogni istante e ancora un po'
e ancora va'
come fulmine
tra le nuvole
vento delle stelle
sogna favole
con un cuore da ribelle
e va'
più veloce di un'idea
più alto della libertà
più forte di un urlo di marea
va' sempre dove la tua strada va
verso il cielo della verità
la dove vola la poesia
e tu amore dell'umanità
va' sempre dove la sua storia va

Inno Torino 2006 - Va'