archivio.pubblica.istruzione.it top
spacer


Attenzione:
sezione in aggiornamento

Alcune pagine/sezioni potrebbero non funzionare correttamente


Torna alla homepage




 
 Portfolio Europeo delle Lingue

QUADRO NORMATIVO

Vengono indicati qui di seguito alcuni documenti sul Portfolio Europeo delle Lingue che delineano il quadro normativo di riferimento. Si tratta sia di Risoluzioni e Raccomandazioni adottate dal Consiglio dei Ministri del Consiglio d'Europa e rivolte ai Governi dei diversi Stati membri, sia documenti normativi che definiscono il Portfolio nei suoi principi e nelle sue finalitÓ e regolamentano il processo di accreditamento presso il Consiglio d'Europa dei nuovi modelli di Portfolio sperimentati.


  • Raccomandazione n. R(98)6 (versione francese/versione inglese) del Consiglio dei Ministri agli Stati membri riguardante le lingue moderne (adottata dal Consiglio dei Ministri il 17 marzo 1998).
    • Vengono riconosciuti i progressi realizzati dagli Stati membri nell'ambito dell'insegnamento/apprendimento delle lingue moderne a seguito della Raccomandazione n. R(82) 18;
    • viene ribadita la volontÓ di mantenere ed approfondire la diversitÓ culturale in Europa attraverso una maggiore conoscenza reciproca delle diverse lingue nazionali e regionali, ivi comprese quelle meno diffuse;
    • vengono definite in appendice le misure da mettere in atto per l'insegnamento/apprendimento delle lingue moderne suddivise in:
      - Misure e principi di carattere generale;
      - Apprendimento precoce delle lingue (fino a 11 anni);
      - Insegnamento secondario;
      - Apprendimento delle lingue per l'orientamento
         professionale;
      - Educazione degli adulti;
      - Educazione bilingue nelle regioni bilingue o plurilingue;
      - Obiettivi dell'insegnamento linguistico e valutazione;
      - Formazione degli insegnanti.

    Si vedano in particolare i punti 26 e 27 dove vengono invitati i Governi degli Stati membri ad incoraggiare l'uso del Quadro Comune di Riferimento per le Lingue e del Portfolio Europeo delle Lingue (PEL).

  • Risoluzione sul Portfolio Europeo delle Lingue
  • (versione francese/versione inglese) (adottata dalla 20esima Conferenza permanente dei Ministri dell'Istruzione del Consiglio d'Europa- Cracovia, 15-17 ottobre 2000).
    E' il documento redatto al termine della fase di sperimentazione del PEL (1998-2000) nel quale si invitano gli Stati membri a "creare le condizioni favorevoli per l'implementazione ed il largo uso del PEL in armonia con i "Principi e Linee-guida" messe a punto dal Comitato Direttivo per l'Educazione del CdE".

  • Il Portfolio Europeo delle Lingue. Principi e Linee-guida (DGIV/EDU/LANG(2000)33)
  • (versione inglese/versione francese).
    E' il documento che sintetizza e definisce il Portfolio, le sue finalitÓ ed i principi cui si ispira. Ne descrive la struttura e stabilisce ci˛ che le istituzioni che lo adottano devono assicurare.

  • Regole per l'accreditamento dei modelli di Portfolio (DGIV/EDU/LANG(2000)26 rev.2)
  • (versione inglese/versione francese).
    E' il documento di riferimento per gli sperimentatori che definisce la procedura di validazione.

  • Formulario per la Validazione ed Accreditamento dei modelli di PEL
  • (versione inglese/versione francese).
    E' la scheda che deve accompagnare ogni modello di Portfolio che viene presentato per la validazione.

  • Comitato Validatore per i modelli di PEL.
  • Il Comitato Validatore Ŕ un organismo che ha il compito di esaminare i modelli di Portfolio eventualmente presentati dai diversi Stati membri per la validazione. Viene eletto in seno al Comitato Direttivo per l'Educazione del Consiglio d'Europa. Ha un presidente ed un vice-presidente ed Ŕ attualmente formato da rappresentanti dei seguenti Paesi: Federazione Russa, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Svizzera, Ungheria.


Indietro

 
 
Portfolio Europeo delle lingue
Cos'Ŕ
Destinatari
Origine
Struttura
PEL e Quadro Comune Europeo di Riferimento
 

 
Materiali
PEL italiani validati
Documenti
Contributi
 

 
Eventi
Quadro normativo
FAQ
Scrivi
 

spacer

Direzione generale per la comunicazione

© 1998-2006 Ministero della Pubblica Istruzione
Viale Trastevere, 76/A - 00153 ROMA

Centralino 06 5849.1